Il cuore di un bimbo

Da: https://www.srichinmoylibrary.com/chd

Sri Chinmoy: Poiché un bambino vive nel cuore, sente sempre che sua madre o suo padre si prenderanno cura di lui, sente sempre di essere protetto, guidato e assistito. Perciò ha spontaneamente fiducia nella sua vita. Poiché è sempre nel cuore, sente che non ci sarà nessuna necessità che i suoi genitori non appagheranno. Se vivesse nella mente immediatamente penserebbe: “Oh, forse mio padre non sarà capace di fare questo. Forse mia madre non mi aiuterà”. Potrebbe, per questo, diventare pauroso, pieno di dubbi e ansioso, ma un bambino non vive nella mente. Similmente, se vuoi avere lo spirito di un bambino, non ha importanza quanti anni hai, devi sentire che c’è Qualcuno con una infinita Luce-Saggezza che ti pensa costantemente, ti guida e protegge, e che quella Persona è Dio.

Colui che si cura più dell’intelletto che del suo cuore, che si cura più delle conquiste esteriori che di quelle interiori, che si cura più della società intorno a lui che di Dio dentro di lui, non può mai agire come un bambino. Un vero bambino vive tutto il tempo nel cuore, mentre un adulto è tutto il tempo nella mente. Nella mente non c’è amore, l’amore vero può essere trovato solo dentro il fiore-cuore. Il fiore-cuore prova tutto il tempo a rendere gli altri felici. Poiché Dio ha il fiore-cuore di un bambino, Egli prova tutto il tempo a renderci felici. Il fiore-cuore di un bambino è un cuore divino. Se rimaniamo nel mondo esteriore, vedremo i bambini come comuni esseri umani, ma se andiamo all’interno di noi, vedremo immediatamente che un bambino incarna tutte le divine qualità di Dio. In quel momento, vedremo i bambini come veri miracoli, come strumenti divini, come fiori di Dio.

Sono soprattutto i genitori che devono vedere i loro figli in questo modo. Se i genitori sentono che i loro figli sono fiori di Dio, permetteranno ai loro figli non solo di sentirlo ma anche di crescere in questo modo. Sono i genitori che, sin dall’inizio, devono vedere la divinità nei loro bambini, e far sì che i loro bambini vedano la divinità in se stessi. Questo è il supremo ruolo dei genitori. Non è sufficiente per i genitori nutrire, vestire e mandare a scuola i propri figli. No, i genitori devono assumersi la responsabilità di portar fuori le qualità divine dei loro bambini.

Tutti i bambini possono e devono essere raggiunti spiritualmente. È infinitamente più facile raggiungere i bambini spiritualmente che in ogni altro modo. Perché i bambini non sono altro che fiori freschi e bellissimi, pronti per essere posti sull’Altare di Dio la Verità, Dio la Luce e Dio la Delizia.

Domanda: I bambini vedono più bellezza degli adulti?

Sri Chinmoy: Sì, i bambini vedono sempre più bellezza degli adulti, perché rimangono di più nel cuore e nell’anima. Grazie alla loro straordinaria purezza interiore, vedono la bellezza e la luce anche nell’oscurità. Quando la mente è sviluppata, questa mente non-divina [undivine] proverà immediatamente a vedere impurità anche nella luce, nella saggezza, e persino in ogni cosa che progredisce. La mente umana riceve soddisfazione vedendo le cose brutte. Un bambino, invece, non usa la mente, prende ogni cosa come sua, perciò vede bellezza in ognuno e in ogni cosa. Sente che non c’è niente di assolutamente non-divino, e ciò è perfettamente vero.

FINE DEL BRANO