Cos’è la religione?

Da: https://www.srichinmoylibrary.com/ysl

Cos’è la religione? La religione è Dio. La religione è Verità. Dio e Verità sono una cosa sola; tuttavia, dicendo che la mia religione è Dio, è facile che tu possa fraintendermi, mentre se dico che la mia religione è Verità, sarai subito d’accordo con me. Per essere piú chiari, se affermo che la mia religione è Sri Krishna e che tu devi credere in lui, mi guarderai con occhi di fuoco, mentre se dico che la mia religione è Verità, esclamerai: “Sí, anche la mia!”. Se anziché dire: “Devi accettare la mia religione!”, dico: “Accettiamo la Verità Universale!”, tu risponderai: “Senz’altro, amico mio! Grazie!”.

La religione è una visione che ci guida e ci porta verso l’Aldilà. La religione è intuizione. L’intuizione è talmente cara ad ognuno di noi, talmente familiare alla nostra anima, ed intima al nostro cuore, che non necessita di spiegazioni. Nonostante ciò, possiamo affermare con certezza che l’intuizione è la coscienza dell’onnipervadente esistenza. Chiedete a una persona in che modo sia sicuro della propria esistenza, e la sua risposta sarà il silenzio. Egli sa cos’è la propria esistenza, la sente, ma non sa darne la spiegazione. La religione è quell’intuizione che è impossibile da spiegare, ma che si realizza e si spiega da sé.

La religione non è fanatismo. Nella sua forma piú pura, la religione è il sentimento dell’unità universale della Verità. Un fanatico non vede mai la Verità nel suo insieme, nemmeno nella sua piú sfrenata immaginazione. Un fanatico non ha niente da offrire al mondo, precisamente perché non tiene la porta del suo cuore aperta, e perché non ha la capacità di comunicare con la propria anima.

Ciò di cui abbiamo bisogno è una diretta Illuminazione… ed ecco che le differenze sono cancellate definitivamente! Grazie al nostro sentimento di unità universale, ci avviciniamo sempre piú velocemente al Supremo. La nostra vita ha una sua libertà, ma la nostra ristrettezza di pensiero uccide questa libertà; una libertà che non trova gioia in dichiarazioni alte e grandiose, ma che vuol essere l’espressione vivente dei nostri pensieri e sentimenti interiori. La libertà è unione, l’unione è Verità, che infonde energia e appaga ogni cosa.

La religione parla, ed è piú eloquente delle parole. Sfortunatamente il suo messaggio è spesso soggetto alla nostra spietata distorsione. Nonostante ciò, nel corso del tempo essa esprime la Verità trionfalmente. Quando pensiamo alla religione, la nostra attitudine dovrebbe essere di comprensione e apprezzamento, piuttosto che di critica e competizione. Critica e competizione creano disarmonia, una forza distruttiva; comprensione e apprezzamento creano invece armonia, una forza creativa. L’armonia, inoltre, è la vita stessa dell’esistenza.

Tutte le religioni sono indispensabili per i propri fedeli, tutte le religioni sono inoltre colme di ispirazione, che è data dalla convinzione dell’anima collettiva dei fedeli. Pace dev’essere la loro parola d’ordine, proprio come la Verità è il loro unico scopo.

Sono memorabili le parole di Tagore sulla religione:

La religione, come la poesia, non è una mera idea; è un’espressione. L’autoespressione di Dio è nell’infinita varietà della Creazione; allo stesso modo, la nostra attitudine verso l’Essere Infinito deve avere un’incessante e continua varietà di forme individuali.

FINE DEL BRANO